Il 2020 volge al termine, un anno che ha costretto tutti noi a guardare i media digitali con occhi diversi. Videoconferenze professionali, lezioni a distanza o necessità di spostare nel mondo virtuale le attività del tempo libero e gli incontri con gli amici: i nostri cellulari, computer e tablet hanno lavorato a pieno ritmo. Pertanto è ancora più grande l’importanza assunta dal rapporto consapevole con le possibilità che ci offrono i media digitali, in altre parole, la competenza mediale.
La pubblicazione dei nostri nuovi volantini è inoltre assolutamente in linea con lo spirito del momento. Hanno già riscosso molto successo: a inizio dicembre ne erano già state ordinate più di 80’000 copie.
Nel 2020 abbiamo lavorato anche in altri settori per promuovere le competenze mediali. Ad esempio, anche nel 2021 la protezione dei dati sarà al centro delle attività di Giovani e media in qualità di tema centrale. Potete leggere ulteriori dettagli in proposito più in basso. Siamo stati attivi anche sul piano normativo: il disegno di legge federale sulla protezione dei minori nei settori dei film e dei videogiochi adottato dal Consiglio federale intende garantire che in futuro i bambini e i giovani siano meglio protetti dai contenuti mediali inadeguati. Grazie a regole chiare e uniformi sull’indicazione dell’età minima e sui controlli dell’età, si offre un aiuto ai genitori che vogliono mostrare ai figli contenuti adeguati alla loro età.  
Al termine di questa newsletter troverete una breve prospettiva riguardo alle nostre attività previste per l’anno a venire. Ma prima ancora vi presentiamo alcune interessanti novità e temi, come ad esempio il «My little little Safebook» con consigli per gestire il ciberbullismo in formato tascabile, un nuovo set di carte pieno di illustrazioni e informazioni utili sulle chat e molti altri interessanti rapporti di ricerca. 

Vi auguriamo di cuore buone feste, un sereno Capodanno, e soprattutto un anno nuovo pieno di salute!
 


 
 

Primo piano

 

Protezione dei dati e della sfera privata di bambini e giovani in internet

 

La piattaforma Giovani e media ha creato all’inizio dell’anno un gruppo di esperti per accompagnare il tema centrale 2020-2021 «Protezione dei dati e della sfera privata di bambini e giovani in Internet». Dalle prime riunioni, sono emersi i principali bisogni sui quali è importante focalizzarsi: i bambini, i giovani e le loro persone di riferimento necessitano maggiori informazioni, disponibili in formati di facile accesso, riguardanti i dati personali e sensibili. Essi devono poter capire qual è il loro margine di manovra, cosa possono fare concretamente per proteggere al meglio i loro dati (e quelli degli altri) e quali sono i vantaggi che derivano da questa protezione e dal rispetto della sfera privata. Bisogna dunque rivolgersi a diversi gruppi target. Per quanto riguarda il gruppo target di bambini e giovani, la piattaforma Giovani e media, con l’accompagnamento del gruppo di esperti, ha selezionato quattro progetti da sostenere.
Anche i genitori (come pure i nonni e altri membri della famiglia) svolgono un ruolo chiave nella riflessione sulla traccia digitale dei loro figli. Per questo, Giovani e media si focalizzerà l’anno prossimo su questa tematica.

 
 

Progetti attuali e offerte

 

"Parents-Parrains": Opportunità di contatto per i genitori di figli con disabilità mentale

 

Spesso per i genitori di figli con disabilità mentale non è facile nella quotidianità entrare in contatto con altre famiglie interessate da problematiche simili. Il sito Internet «Parents-parrains» gestito da Insieme Svizzera permette loro di stringere contatti in modo rapido e semplice, di confrontarsi e di condividere le proprie esperienze.

 
 

Progetti attuali e offerte

 

Empowerment Lab

 

Empowerment Lab è un'organizzazione dedicata all'apprendimento significativo per tutte le ragazze del mondo, dai 12 ai 18 anni. Esso consente alle ragazze di esplorare il mondo della tecnologia digitale e di considerarlo come un'opportunità di crescita personale. La piattaforma offre corsi, workshop creativi e un'opportunità di networking. Il sito Internet è disponibile in inglese e francese.

 
 


 
 

Progetti attuali e offerte

 

My little little Safebook

 

La Prevenzione svizzera della criminalità presenta “My little little Safebook”, un opuscolo in formato carta di credito che contiene numerose informazioni su come comportarsi in caso di attacchi di ciberbullismo. In particolare, contiene gli articoli di legge che puniscono i reati. Questo piccolo pieghevole si rivolge ai giovani e agli educatori.

 
 

Progetti attuali e offerte

 

Un nuovo sito internet per educa

 

educa sottolinea il suo ruolo di “agente innovatore” nello spazio formativo digitale con il suo nuovo sito web che si rivolge alle attrici e agli attori del sistema educativo. Esso pone l’accento sul contenuto e sull’efficacia, al fine di rispondere in maniera ottimale alle richieste d’informazione e alle funzionalità desiderate dalla sua comunità.

 
 


 
 

Progetti attuali e offerte

 

Nuovo set di carte per comunicare online, ma in sicurezza

 

Dopo il successo del primo set di carte sul tema Internet e sessualità, zischtig.ch e CURAVIVA Svizzera hanno sviluppato un secondo set: 39 carte illustrate, che chiariscono le opportunità, le premesse e i limiti della comunicazione via chat e media sociali. Inoltre le carte, come quelle del primo set, sono corredate di istruzioni e di un opuscolo che fornisce informazioni contestuali. I materiali sono stati elaborati e testati in collaborazione con istituzioni di pedagogia speciale.

Inoltre, il primo set di carte su Internet e sessualità è ora disponibile anche in francese! Le carte illustrate, tradotte e leggermente adeguate in collaborazione con SALUTE SESSUALE Svizzera, sostengono i professionisti nel condurre colloqui in materia di pornografia, sexting e altri temi inerenti all’ambito. Giovani e media ha partecipato finanziariamente allo sviluppo del set di carte sulla comunicazione online nonché alla traduzione del set di carte su Internet e sessualità. Entrambi i set di carte possono essere ordinati sul sito internet di CURAVIVA.

 
 

Progetti attuali e offerte

 

Materiale didattico sulla protezione dei dati per bambini tra i 4 e 9 anni

 

Per acquisire competenze nell’ambito della protezione della sfera privata e dei dati personali fin dalla prima infanzia, un gruppo di esperti dell’Alta scuola pedagogica di Zurigo, in collaborazione con la responsabile della protezione dei dati del Cantone di Zurigo, ha sviluppato il materiale didattico «I segreti sono ammessi». Gli allievi di età compresa fra i quattro e i nove anni hanno la possibilità di avere un primo accesso al tema in modo graduale e adeguato all’età.
Il materiale didattico «I segreti sono ammessi» è stato inizialmente pubblicato in tedesco e in inglese. Giovani e media ha finanziato la traduzione in italiano, in francese e nei cinque idiomi romanci. Su questo sito Internet sono disponibili tutte le versioni linguistiche, come e-book in due formati diversi o versione web.

 
 


 
 

Progetti attuali e offerte

 

PlaySmart

 

La SIEA (Swiss Interactive Entertainment Association) lancia PlaySmart, un'iniziativa svizzera del settore dei videogiochi. L’obiettivo è quello di creare una rete di competenze e referenze nel campo dei videogiochi. Sul suo sito Internet si possono trovare consigli per una pratica responsabile, gli standard PEGI e una sezione con varie risorse (opuscoli, video, fumetti, ecc.) relative al tema.

 
 

Progetti attuali e offerte

 

La settimana dei media nella Svizzera romanda: retrospettiva

 

Ve ne abbiamo parlato nella nostra precedente newsletter: la settimana dei media si è svolta dal 16 al 20 novembre 2020. Nell'ambito di questa 17a edizione, intitolata “Vivere senza media?” più di 40 attività sono state offerte alle classi della Svizzera romanda. Troverete la rassegna stampa, le attività proposte e il materiale creato per l’occasione tramite il seguente link.

 
 


 
 

Novità dalla politica e dalla ricerca

 

Studio JAMES 2020: l'uso dei media da parte dei giovani in Svizzera nell'anno del coronavirus

 

La ZHAW ha pubblicato il nuovo studio JAMES 2020. A causa della situazione sanitaria, il sondaggio è stato condotto online. Il rapporto dimostra che i giovani tra 12 e 19 anni in Svizzera usano il cellulare 40 minuti in più al giorno rispetto a due anni fa. Lo smartphone è utilizzato più spesso per chattare, navigare in Internet o per i media sociali. I media sociali più popolari sono Instagram, Snapchat e TikTok. Una constatazione preoccupante: sempre più giovani sono vittime di molestie sessuali online.

 
 

Novità dalla politica e dalla ricerca

 

Studio JIM 2020: l'uso dei media da parte dei giovani in Germania nell'anno del coronavirus

 

Nell'ambito dello studio JIM (disponibile in tedesco), quest'estate sono stati intervistati in Germania 1200 giovani di età compresa tra i 12 e i 19 anni. La pandemia di coronavirus si riflette nei risultati - per esempio nelle condizioni scolastiche, ma anche nell'aumento del tempo di utilizzo generale dei media e nei temi che riguardano i giovani. Se l'aumento del numero di intervistati che dichiarano di sperimentare il ciberbullismo e l'odio in rete sia legato alla situazione del coronavirus può essere solo ipotizzato - come per altri cambiamenti rispetto agli anni precedenti.

 
 


 
 

Novità dalla politica e dalla ricerca

 

The Cybersurvey: la vita digitale di bambini e giovani

 

Dal 2008 in Gran Bretagna si conduce ogni anno il «Cybersurvey» per scoprire quali esperienze fanno online i bambini e i giovani. Anche nel 2019, 15 000 ragazzi di età compresa fra gli 11 e i 17 anni hanno risposto alle domande. Il nuovo rapporto indica, fra le altre cose, che per gli interpellati il cosiddetto «content risk» (rischio legato al contenuto), come ad esempio materiale che mostra autolesionismo o atti di cruda violenza, ha un’importanza maggiore rispetto al «contact risk» (rischio legato ai contatti). Inoltre, emerge che i genitori parlano troppo raramente con i giovani delle loro esperienze online.

 
 

Novità dalla politica e dalla ricerca

 

L'influsso delle tecnologie online sul comportamento politico e sui processi decisionali

 

L’ampio rapporto «Technology and Democracy», pubblicato dal Centro comune di ricerca della Commissione europea, analizza in una prospettiva di psicologia comportamentale la crescente importanza assunta dai media sociali e giunge alla conclusione che essi cambiano il comportamento politico della popolazione: le nostre democrazie si spostano sempre più in Internet. Il rapporto si conclude con raccomandazioni per il mondo politico e con una prospettiva sullo «European information space» nel 2035, che mostra in quattro scenari cosa ci si può aspettare in questo contesto soprattutto dai bambini e dai giovani di oggi.

 
 

Novità dalla politica e dalla ricerca

 

The Angry Internet: misoginia e antifemminismo online

 

Il Centre for Digital Youth Care, sulla base di un mandato del Nordic Council of Ministers, ha prodotto un rapporto sulla portata della misoginia e dell'antifemminismo online nei paesi nordici. Lo studio è stato lanciato con una conferenza virtuale il 25 novembre 2020. La registrazione di questa conferenza può essere visualizzata online.Per quanto riguarda il rapporto, intitolato "The angry internet : a threat to gender equality, democracy and well-being", è disponibile qui.

 
 


 
 

Novità dalla politica e dalla ricerca

 

Rapporto sull'uso problematico di internet in Svizzera

 

Su mandato dell'Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP), un gruppo di esperti è stato incaricato di analizzare l'uso problematico di Internet. Il risultato è un rapporto di sintesi, pubblicato dal GREA e dal Fachverband Sucht, che presenta gli sviluppi nel periodo 2018-2020.

 
 

Agenda

 

Safer Internet Day

 
09 febbraio 2021

Il Safer Internet Day 2021 si svolgerà all’insegna del motto «Insieme per un Internet migliore». In questa giornata tematica a cadenza annuale, introdotta dalla Commissione europea, sono proposti eventi in molti Paesi europei.
Maggiori informazioni

 
 

Agenda

 

Incontro intercantonale sulla promozione della salute e la prevenzione

 
9 marzo 2021 & 15 marzo 2021

Due incontri di scambio tra i cantoni sulla tematica della prevenzione della salute avranno luogo a marzo 2021. Il 9 marzo 2021 si svolgerà l’incontro nella Svizzera tedesca (Kantonale Austauschtreffen Deutschschweiz KAD) a Zurigo, sulla tematica «Stets online. Und erreichbar?! Digitalisierte Gesundheitsförderung und Prävention bei Kindern und Jugendlichen ausserhalb der Schule». Il 15 marzo 2021 si terrà un incontro nella Svizzera francese (Rencontre intercantonale latine, RIL) a Losanna, con il titolo “Schermi: dove mettere il cursore?”.
Maggiori informazioni sui due eventi

 
 

Novità dall'UFAS

 

Au revoir, Marine Van Den Driessche!

 

Dopo sette mesi nel team di Giovani e media, Marine Van Den Driessche ci lascia prematuramente: la nostra stagista ha trovato un ottimo posto a tempo indeterminato e inizierà il suo nuovo lavoro già a gennaio. Ci dispiace molto vederla partire, perché, grazie alla sua competenza e al suo grande impegno, è diventata un membro importante del nostro team in questo periodo turbolento. Ringraziamo Marine dal profondo del cuore per il suo grande sostegno e le auguriamo tutto il meglio per la sua futura carriera.

 
 

Novità dall'UFAS

 

Covid19 e odio in rete: i due temi trattati dalla Rete competenze mediali

 

Ogni due anni, la piattaforma Giovani e media organizza un incontro della Rete svizzera competenze mediali. Questi incontri si rivolgono ad esperti, ricercatori, rappresentanti di uffici federali, cantoni e organizzazioni del settore della promozione delle competenze mediali. Purtroppo, la situazione dovuta al coronavirus ci ha costretto a offrire una versione ridotta del programma che era inizialmente previsto. I partecipanti hanno potuto seguire in livestream la presentazione di Gregor Waller (ZHAW) su “La vita digitale dei bambini all’era del coronavirus” e di Lea Stahel (Università di Zurigo) su “Sessismo e ostilità LGBTIQ* tra bambini e giovani su internet”. Entrambi i relatori hanno presentato i risultati intermedi, in quanto i loro studi sono ancora in corso e saranno pubblicati solo nei primi mesi del 2021.

 
 


 
 

Novità dall'UFAS

 

Siamo pronti per il 2021!

 

- Nel secondo semestre organizzeremo un altro incontro della Rete Competenze mediali Svizzera per completare il programma che era previsto per novembre 2020. Ci auguriamo che lo scambio personale fra i partecipanti, così importante per questi incontri, sarà di nuovo possibile.
- A inizio 2021 nell’ambito del tema centrale «Odio in rete» Giovani e media pubblicherà il rapporto di ricerca sul tema dei discorsi d’odio sessisti e dell’ostilità contro le persone LGBTIQ* in rete presentato in novembre 2020.
- Nelle nostre newsletter comunicheremo le ulteriori misure dei due temi centrali in corso.
- L’apprezzata guida «Competenze mediali nella realtà scolastica» sarà pubblicata in versione aggiornata.
- Il disegno di legge federale sulla protezione dei minori nei settori dei film e dei videogiochi (LPMFV) sarà discusso in Parlamento.
- Già nella prossima newsletter troverete i risultati della valutazione della nostra piattaforma nel periodo 2016–2020 e i dettagli del nostro orientamento per il periodo 2021–2025.

 
 
 
 

Se in futuro non desiderate più ricevere e-mail da «Giovani e media» o se avete cambiato indirizzo di posta elettronica,  Wenn Sie diese E-Mail (an: unknown@noemail.com) nicht mehr empfangen möchten, können Sie diese hier kostenlos abbestellen.