La piattaforma Giovani e media si rivolge a due gruppi target importanti: i genitori e i professionisti che lavorano con i bambini e i giovani. In particolare nel contesto scolastico, i media digitali assumono un ruolo sempre maggiore ed è sempre più importante, sia per i docenti che per le direzioni scolastiche, affrontare in modo ben informato le sfide che ne derivano. Siamo lieti di poter dare un contributo in tale contesto con la nostra guida «Competenze mediali nella realtà scolastica»! Dal momento che in questo ambito continuano a essere in atto molti processi, non abbiamo solo aggiornato la nostra guida, ma l’abbiamo rielaborata completamente aggiungendo nuovi capitoli. Questo compito è stato svolto da un gruppo di autori impegnati, guidato da Judith Mathez del Consultorio per i media digitali a scuola e nell’insegnamento – imedias presso l’Alta scuola pedagogica della FHNW, e ora siamo molto lieti di potervi presentare la guida «Competenze mediali nella realtà scolastica» fresca di stampa!

Negli ultimi mesi siamo stati attivi anche nell’ambito dei nostri temi centrali: è stato appena pubblicato un nuovo rapporto di ricerca sul tema del sessismo e dell’ostilità contro le persone LGBTIQ* in rete (per maggiori informazioni al riguardo si rimanda alla rubrica «Primo piano»).  

Inoltre, in questa newsletter vi presentiamo nuovi materiali informativi della Prevenzione Svizzera della Criminalità sul tema del ciberbullismo, interessante materiale didattico di klicksafe.de sulla formazione delle opinioni nello spazio digitale, risultati di ricerca aggiornati sulle lezioni durante l’emergenza coronavirus e informazioni sullo stato delle deliberazioni parlamentari sulla nuova legge federale sulla protezione dei minori nei settori dei film e dei videogiochi (LPMFV).

Vi auguriamo una primavera soleggiata e fiorita, e un buon divertimento nella lettura!

 


 
 

Primo piano

 

Odio in rete: rapporto di ricerca su discorsi d'odio sessisti e ostili contro le persone LGBTIQ* in rete

 

Nell’ambito dell’attuale tema centrale «Odio in rete», Giovani e media ha incaricato le due ricercatrici Lea Stahel e Nina Jakoby dell’Università di Zurigo di elaborare un rapporto di ricerca sul sessismo e l’ostilità contro le persone LGBTIQ*. Questi sono infatti fenomeni che si manifestano sia online che offline. In tale contesto, i giovani sono particolarmente vulnerabili poiché, da una parte utilizzano Internet in modo molto attivo e comunicativo, ma dall’altra spesso non dispongono ancora delle competenze mediali necessarie per proteggere se stessi (e gli altri) dai discorsi d’odio. Il rapporto di ricerca è dedicato alle domande di fondo relative a questo tema, come ad esempio: cosa si intende concretamente con l’espressione «discorso d’odio»? Cosa significa sessismo? Cos’è l’eterosessismo? Esso offre altresì una sintesi critica dello stato attuale della ricerca e dei dati disponibili in materia. Inoltre mostra quali sono gli approcci adottati finora da autorità e organizzazioni della società civile per affrontare il problema. Sulla base delle raccomandazioni di sensibilizzazione, di prevenzione e d’intervento formulate nel rapporto e dei lavori di ricerca degli scorsi mesi, nelle settimane a venire Giovani e media deciderà in merito a ulteriori misure nell’ambito del tema centrale «Odio in rete».

 
 

Progetti attuali e offerte

 

Piattaforma informativa per i genitori sull'educazione sessuale

 

Protezione dell’infanzia Svizzera e Salute Sessuale Svizzera hanno lanciato una piattaforma informativa per i genitori e per tutte le persone che svolgono un ruolo genitoriale. Questa piattaforma fornisce ai genitori informazioni sullo sviluppo sessuale e sul relativo accompagnamento in base alla fascia d’età, nonché offerte e recapiti di centri di consulenza specializzati. Incoraggia innanzitutto ad affrontare consapevolmente l’educazione sessuale dei figli e si propone di contribuire a un’educazione sessuale fondata su un rapporto di fiducia.

 
 


 
 

Progetti attuali e offerte

 

Come vivi online?

 

La Prevenzione Svizzera della Criminalità ha pubblicato un mini pieghevole in formato carta di credito che completa l’opuscolo «My little little Safebook». Il mini pieghevole mira a sensibilizzare i giovani sul fatto che la violenza virtuale genera una sofferenza reale. Esso è disponibile in tre lingue (italiano, francese e tedesco) e può essere scaricato in formato PDF oppure ordinato presso la propria polizia cantonale.

 
 

Progetti attuali e offerte

 

L'etica a portata di clic

 

Il nuovo opuscolo di Klicksafe sulla formazione delle opinioni nel mondo digitale «Meinungsbildung in der digitalen Welt» (in tedesco) è dedicato ad ambiti tematici di grande attualità inerenti a disinformazione, fake news e teorie complottiste. Oltre a informazioni dettagliate e a molteplici spunti di discussione, l’opuscolo comprende anche istruzioni per 12 progetti pratici. Il materiale è adatto per le attività con i giovani in ambito sia scolastico che extrascolastico.

 
 

Progetti attuali e offerte

 

Conoscete già la piattaforme CO:RE?

 

La piattaforma CO:RE – Children Online: Research and Evidence esiste da un anno e offre una panoramica delle più recenti conoscenze scientifiche sulle esperienze digitali dei bambini. CO:RE intende essere una base di sapere europea, sia per i ricercatori che per i docenti e le persone attive nell’ambiente della politica della formazione. Incentrata sui risultati scientifici e sulle loro conseguenze negli ambiti della formazione e della politica, CO:RE è sostenuta da dieci organizzazioni partner provenienti da nove Paesi europei (sono coinvolti università, istituti di ricerca, come pure European Schoolnet) ed è finanziata dall’Unione europea nel quadro del programma «Orizzonte 2020».

 
 


 
 

Novità dalla politica e dalla ricerca

 

Protezione dei minori nei settori dei film e dei videogiochi

 

Il Consiglio nazionale vuole proteggere meglio i minori da contenuti mediali di film e videogiochi a carattere violento o sessuale. Nella seduta del 17 marzo 2021, il Consiglio nazionale ha deciso di entrare in materia sul disegno di legge con 115 voti contro 69 e 2 astensioni. Il dibattito dettagliato degli articoli avrà luogo in una prossima sessione.

 
 

Novità dalla politica e dalla ricerca

 

Insegnamento a distanza:  sfide e strategie per affrontarlo

 

In occasione dell’insegnamento a distanza causato dalla pandemia di coronavirus, le direzioni scolastiche hanno dovuto affrontare numerose sfide e per farlo hanno messo in atto diverse strategie. L’Istituto di scienze dell’educazione dell’Università di Zurigo si è interessato all’argomento e ha condotto uno studio presso le direzioni di alcune scuole elementari della Svizzera tedesca. Le sfide rilevate comprendono, in particolare, la garanzia della circolazione delle informazioni, la risoluzione dei problemi tecnici, il sostegno agli allievi con bisogni particolari e alle loro famiglie nonché la disponibilità di un grado di condivisione sufficiente fra gli insegnanti. Il rapporto (in tedesco) contiene esempi di buone pratiche che possono servire da orientamento per le direzioni scolastiche che si trovano in una situazione analoga.

 
 


 
 

Novità dalla politica e dalla ricerca

 

La vita nel modo virtuale: reti sociali e rappresentazione di sé

 

La rappresentazione di sé in Internet è importante per i giovani e va oltre i semplici autoscatti. Comprende infatti numerosi elementi come la foto profilo, il nome utente, le informazioni personali, i «Mi piace» e i commenti, ma anche le playlist condivise. Pertanto, l’istituto austriaco di ricerca sulla cultura dei giovani e sulla mediazione culturale ha condotto un’inchiesta fra i giovani di età compresa fra gli 11 e i 17 anni circa le motivazioni dell’utilizzo delle reti sociali, la frequenza con la quale pubblicano contenuti, la loro opinione sul ritocco delle immagini e altro ancora. Le conclusioni tratte dallo studio sono disponibili su Saferinternet ed è inoltre disponibile un’infografica che ne riassume i risultati (in tedesco).

 
 

Novità dalla politica e dalla ricerca

 

Raggiungere i nativi digitali con le notizie

 

Le notizie faticano a raggiungere un pubblico giovane; è pertanto necessario impiegare format innovativi. Uno studio commissionato dall’UFCOM mira a fornire soluzioni sulla base delle richieste e delle aspettative dei giovani nonché dei loro comportamenti e attività associati ai media. Sul tema in questione sono stati intervistati giovani fra i 12 e i 20 anni provenienti dalle tre regioni linguistiche principali della Svizzera, che hanno indicato di preferire, in particolare, format visuali e notizie più positive. L’utilizzo dei media e il modo per raggiungere i giovani in funzione della loro fascia d’età sono descritti in maniera più dettagliata nel riassunto esecutivo dello studio (disponibile anche in italiano) e nel rapporto finale (in inglese).

 
 

Agenda

 

LernFilmFestival 2021

 
Termine per la partecipazione: 4 aprile 2021

È tempo di affrettarsi! L’edizione di quest’anno del LernFilm Festival accetta i lavori inoltrati dalle classi scolastiche ancora fino al 4 aprile. Sono i benvenuti anche temi tratti dalle lezioni come film, all’insegna dello slogan «SCATTATA, PROTETTA: dalle trappole fotografiche alla pirateria, passando per il diritto all’integrità dell’immagine». È possibile partecipare qui. La premiazione avrà luogo a giugno.

 
 


 
 

Agenda

 

SUPER - La seconda creazione

 
Museo della comunicazione, Berna - Fino all '10 luglio 2022

Il Museo della comunicazione ha riaperto! Nella mostra «SUPER – La seconda creazione» tutto ruota attorno alla domanda di come la nostra società, perlopiù informata solo frammentariamente sui rapidissimi sviluppi in settori quali biotecnologia, intelligenza artificiale e digitalizzazione in generale, affronti tali sfide. Le scolaresche hanno la possibilità di unire la visita alla mostra «SUPER – La seconda creazione» con un workshop. Inoltre, il museo offre materiale didattico sulla mostra.

 
 

Novità dall'UFAS

 

Save the date: rete di esperte ed esperti in competenze mediali 2021

 

Martedì 31 agosto 2021, a Berna, avrà luogo il quarto incontro della “Rete di esperte ed esperti in competenze mediali” organizzato dalla piattaforma nazionale Giovani e media. Questa manifestazione è un’occasione d’informazione, scambio e networking per esperte ed esperti che lavorano nell’ambito della promozione delle competenze mediali dei bambini, dei giovani e delle loro persone di riferimento. Le esperte e gli esperti che sono interessati/e a partecipare all’incontro, ma non hanno ricevuto l’invito (save the date), possono contattarci all’indirizzo jugendschutz@bsv.admin.ch.

 
 

Novità dall'UFAS

 

Benvenuta Marie Pillet

 

Dal 1° febbraio il team di Giovani e media è sostenuto ancora una volta da una stagista universitaria. Nello scorso anno, Marie Pillet ha concluso il suo master in scienze dell’educazione all’Università di Friburgo. Siamo lieti di dare un caloroso benvenuto a Marie!

 
 
 
 

Se in futuro non desiderate più ricevere e-mail da «Giovani e media» o se avete cambiato indirizzo di posta elettronica,  Wenn Sie diese E-Mail (an: unknown@noemail.com) nicht mehr empfangen möchten, können Sie diese hier kostenlos abbestellen.